LAB@HOME – Una casa intelligente per l’autismo

Home / LAB@HOME – Una casa intelligente per l’autismo

Finalità del progetto

Il progetto è rivolto ai bambini con disturbi dello spettro autistico ed alle loro famiglie, ed ha un triplice scopo di:  realizzare una infrastruttura tecnologica che consenta di limitare gli effetti dei deficit comunicativi, sociali e cognitivi dei bambini con questo disturbo, ii) supportare le istituzioni e le famiglie in una comune prospettiva operativa nella costruzione di un progetto di vita che integri tutte le componenti fondamentali evidenziate dalle Linee Guida internazionali. Di particolare rilevanza sono: la precocità ed accuratezza della diagnosi, l’efficacia dell’intervento abilitativo, il coinvolgimento dei genitori, dei servizi sociali e della scuola a supporto delle famiglie, e iii) decentralizzare gli aspetti operativi e conoscitivi relativi allo screening, diagnosi e terapia per l’Autismo, mantenendo nel contempo la centralità della gestione del flusso informativo e la verifica della qualità dell’implementazione.

Risultati Ottenuti

E’ stato sviluppato il prodotto HomeLab che consente di utilizzare nuove metodologie per l’acquisizione di biomarcatori e segni comportamentali per il riconoscimento ultra-precoce dei disturbi dello spettro autistico. HomeLab consente di identificare, già nei primi 18 mesi di vita, alcune anomalie dello sviluppo che hanno un valore predittivo rispetto alla futura manifestazione del disturbo. Queste metodologie potranno consentire di individuare bambini ad alto rischio prima dei due anni, così da rendere possibile il loro tempestivo inserimento in un programma di intervento terapeutico personalizzato. Il nuovo modello di presa in carico, diagnosi, e trattamento socio-assistenziale collegato, consentirà l’applicazione di un modello ecologico (evitando le esperienze ansiogene ed emotivamente frustranti che sono tipiche degli ambienti ospedalieri) ed ecorelazionale (in grado cioè di riprodurre il più fedelmente possibile le relazioni interne all’ecosistema familiare) attraverso la creazione di specifici ambienti HomeLab.